Progetto Minibond

Che cos’è

Finlombarda S.p.A. e Regione Lombardia sostengono le Imprese lombarde che hanno la possibilità e la potenzialità di emettere obbligazioni di una taglia tra 1 e 20 milioni di euro (Minibond) finalizzati per almeno il 60% alla realizzazione di investimenti o programmi di sviluppo.

Le Imprese che aderiscono al Progetto Minibond richiedono:

  • la sottoscrizione di una quota massima del 40% della propria obbligazione da parte di Finlombarda (la quota rimanente dovrà essere a carico di altri Investitori Istituzionali);
  • la concessione di un voucher a fondo perduto per un massimo di 30.000 euro, ad abbattimento dei costi di emissione dell’obbligazione.

Gli Investitori Istituzionali che aderiscono al Progetto Minibond si rendono disponibili a svolgere una o più delle seguenti funzioni:

  • collocatore delle obbligazioni con sottoscrizione a fermo dell’intero importo in emissione;
  • collocatore delle obbligazioni senza sottoscrizione integrale a fermo dell’importo in emissione;
  • sottoscrittore delle obbligazioni.
RIASSUNTO
AREA GEOGRAFICA Lombardia
SETTORI DI ATTIVITÀ  Industria
SPESE FINANZIATE  Spese legali, oneri relativi al monte titoli
BENEFICIARI PMI
TIPO DI AGEVOLAZIONE Sottoscrizione di minibond, contributo a fondo perduto
DATA DI CHIUSURA Fino ad esaurimento fondi

 

Dotazione finanziaria

  • Concessione del voucher: Euro 2.500.000,00 (duemilionicinquecentomila/00) quale importo messo a disposizione da Regione Lombardia.
  • Sottoscrizione di Minibond: Euro 300.000.000,00 (trecentomilioni/00) di cui fino ad un importo massimo di Euro 120.000.000,00 (centoventimilioni/00) a carico di Finlombarda e fino ad un importo massimo di Euro 180.000.000,00 (centottantamilioni/00) a carico di Investitori Istituzionali Convenzionati con Finlombarda.

A chi si rivolge

Possono essere ammesse al Progetto Minibond le Imprese che, alla data di presentazione della domanda di partecipazione al presente avviso, siano in possesso dei seguenti requisiti soggettivi:

  • abbiano Sede legale e/o Sede operativa in Lombardia;
  • siano iscritte al Registro delle imprese;
  • siano costituite in forma di società di capitali;
  • abbiano avuto, negli ultimi due bilanci approvati, ricavi delle vendite medi non inferiori a 5 milioni di euro;
  • abbiano fatto registrare un MOL nell’ultimo bilancio approvato, superiore al 5% dei ricavi;
  • abbiano un rapporto tra PFN e Patrimonio Netto (leverage) nell’ultimo bilancio  approvato, non superiore a 2,5;
  • possiedano un rapporto tra PFN e MOL desunto dall’ultimo bilancio approvato non superiore a 5;
  • abbiano un rapporto tra MOL e oneri finanziari desunto dall’ultimo bilancio approvato non inferiore a 3;
  • siano attivi in uno dei settori di attività di cui alla classificazione ATECO 2007, ad esclusione dei settori L (Attività immobiliari) e K (Attività finanziarie ed assicurative) fatte salve le esclusioni previste dal regime di aiuto adottato.

Che cosa finanzia

Caratteristiche del Minibond

  • Durata: 3-7 anni.
  • Modalità di rimborso: bullet (pagamento del capitale a scadenza) o amortising, con pagamento in entrambi i casi degli interessi semestrali o annuali eventualmente richiedendo un pre-ammortamento di massimo 36 mesi in linea con gli investimenti da effettuare.
  • Taglio: tra 1 e 20 milioni di euro
  • Finlombarda si riserva il diritto di cedere in qualsiasi momento le obbligazioni sottoscritte sul mercato secondario.
  • Condizioni di emissione: stabilite in base alle caratteristiche economico-finanziarie delle Imprese e proposte da Finlombarda in seguito alla propria valutazione di credito positiva indicando una cedola ad un livello compreso tra il 2,75% e il 7%.
  • Garanzie ed impegni: nel regolamento del titolo potranno eventualmente essere presenti garanzie reali, ivi incluse, senza limitazioni, ogni garanzia reale, ipoteca, usufrutto, pegno, vincolo, diritto di superficie, servitù su beni di cui l’Impresa sia proprietaria e del Fondo Centrale di Garanzia. Potranno essere altresì previste, a favore degli Investitori, clausole usuali per questa forma tecnica di finanziamento.

Finlombardà si avvarrà di provvista della Banca Europea degli Investimenti al fine di ridurre i costi  per l’impresa emittente, retrocedendo sulla propria quota, ad ogni stacco cedola, 25 (venticinque) punti base applicati all’importo nominale sottoscritto.

Caratteristiche del Voucher

Importo massimo: Euro 30.000/00.
Concessione: le Imprese dovranno.

  • superare positivamente l’istruttoria formale;
  • superare positivamente la valutazione di merito creditizio di Finlombarda e aver ottenuto una lettera di impegno alla sottoscrizione;
  • concludere la fase di sottoscrizione dell’obbligazione, a cui abbia partecipato anche Finlombarda, fissando un termine per il regolamento della stessa.

Erogazione: a rendicontazione delle spese effettivamente sostenute

Sono ammesse le spese (al netto di IVA) sostenute a partire dal 25 settembre 2015 ed entro la data di regolamento dei corrispettivi della sottoscrizione dell’obbligazione, relative a:

  • costi legali per la predisposizione del prospetto informativo;
  • oneri relativi al Monte titoli (non comprende i costi annuali, ma solo il costo di prima quotazione);
  • costi di quotazione sul mercato scelto da parte dell’Impresa beneficiaria (non comprende i costi annuali, ma solo il costo di prima quotazione);
  • costi di Banca depositaria del primo anno di quotazione;
  • costi di certificazione del bilancio di esercizio

 

Chiamaci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *